domenica 31 gennaio 2016

Colturano nuova gestione servizi igiene urbana


Venerdi 29 gennaio è stata presentata, dal Sindaco e dal Dottor Nardella della soc. CEM AMBIENTE SpA, la nuova gestione dei rifiuti urbani. Non mi dilungo sui dettagli della raccolta e del calendario perché tutti abbiamo in casa l’opuscolo che spiega per filo e per segno. Riporto qualche dettaglio che mi sembra interessante; prima di tutto ci deve essere molto chiaro che differenziare non è un piacere che facciamo all’amministrazione comunale ma a noi stessi e alle nostre tasche, cose secondarie ovviamente al fare del bene all’ambiente che lasceremo ai posteri J. Colturano differenzia il 58% della propria “rumenta” mentre il minimo di legge è il 65%. Se non si arriverà almeno a questo step, i comuni verranno sanzionati. Secondo motivo validissimo per ben differenziare: Cem nell’ultimo anno ha ridistribuito 4 milioni di Euro ai comuni soci in proporzione ai risultati di ogni singolo comune. Questo vuol dire che il costo per noi utenti potrebbe diminuire se siamo così bravi ad alzare l’asticella del 58%. (Dresano ha appena ottenuto da Legambiente la targa di Comune Riciclone 2015 con il 70,88%). Sindaco e Cem ci indicano come obiettivo tra un anno di arrivare dunque almeno al 65%. Qualche piccola indicazione: la carta non si può più mettere nei sacchi di plastica ma va messa in contenitori di carta/cartone che non devono però superare i 20 kg di peso; è possibile usare bidoni carrellati di plastica bianca che abbiano l’attacco “a pettine” per poter essere svuotati meccanicamente. Il verde: alle abitazioni singole con giardino verrà fornito gratuitamente un bidone verde per il ritiro degli sfalci (chi ne ha bisogno di più dovrà comprarlo o dal comune o in proprio . Attenzione sempre che sia carrellato e con attacco a pettine);se si vogliono utilizzare altri contenitori bisogna stare attenti che non superino i 20 kg di peso; per i condomini ..non mi ricordo…ahiahiahi primi segni di alzheimer.
Multipak: parola che non vuole entrarci in testa. Plastica, scatolette ma…non solo. Io avevo fatto ilo compito a casa e sono andata all’assemblea con il mio sacchettino della “rumenta” che non sapevo dove buttare. Sono stata brava, ho sbagliato solo la carta appiccicosa per togliere i pelucchi dagli abiti che va buttata nel secco. La parola magica, mi ha suggerito il dottor Nardella è “imballaggio”; tutto quello che contiene qualcosa per il 90% finisce nel multipak (involucro della crescenza, sacchetto delle caramelle, delle patatine, dei grissini..Rosti prendi nota, vanno nel multipack)
Ho chiesto se erano disponibili istruzioni multilingue e mi è stato risposto che a breve saranno messe sul sito della Cem Ambiente e successivamente anche i comuni avranno copie da distribuire sul territorio. Per il servizio del ritiro ingombranti a domicilio (attivabile chiamando il numero verde indicato sull’opuscolo), ci viene raccomandato di usarlo solo in caso di effettiva difficoltà a reperire un mezzo per conferire in discarica perché è pensato soprattutto per facilitare le persone anziane. Cem Ambiente attiverà il ritiro di volta in volta raggiunte le dodici chiamate nel raggio d’azione dei tre comuni dell’unione.
Forza e coraggio. 

Nessun commento:

Posta un commento