venerdì 20 dicembre 2013

Sono passati...quarant'anni

E si Luigi, sono passati 40 anni e per un momento ho pensato: non so più fare i conti. E gli ho rifatti ed è tornato sempre 40. Che bello sentire te e Antonio e viaggiare con la memoria ai nomi e ai volti che hanno condiviso con noi un pezzo di vita. In questi giorni è arrivata la solita carrellata di auguri di ex colleghi, che, come dice Raffaella nel suo saluto sono "colleghi per sempre". E' un po' come se fossimo legati indissolubilmente ad un nome, che non ripeterò per non essere monotona, che ci ha reso tutti parenti acquisiti. Quindi, caro Luigi, se tu hai 80 anni e io ne ho 60, viva noi! e viva i ricordi. E' tanto che non scrivo qui, oggi mi ha preso questa vena nostalgica, che non vuol dire che sono triste, anzi! ma che mi va di riandare al passato con tutte le cose belle (e meno belle) che mi hanno accompagnato fin qui. Va bene, ti prometto che cercherò di organizzare una mini-rimpatriata, per chiacchierare un po' e, come dici tu, per vedere dal vivo le nostre facce invecchiate e per sentire cosa ne pensi di questa sinistra.... 
Rovistando nell'archivio ho trovato la cartellina con alcune delle cavolate che mi facevano scrivere per le varie occasioni. Questa è di 10 anni fa, l'ultimo "bel Natale" tutti insieme, con la mega festa per Egidio che andava in pensione. Quante risate quel giorno! Poi sono arrivate le lacrime ma...questa è un'altra storia, anzi, la fine della storia. Ciao Luigi, a presto.


Nessun commento:

Posta un commento