domenica 17 febbraio 2013

La povertà che non ti aspetti

Le parole di un amico mi hanno fatto riflettere: "Sono rimasto scosso da tutte quelle persone", questo più o meno il commento. Si, si rimane scossi, non puoi chiudere la porta del centro Caritas e lasciare sugli scaffali o sulla scrivania anche le storie, i problemi, i visi, i sorrisi di chi passa di qua tutti i sabati o solo qualche volta.Te li porti a casa e pensi e rimugini e scrivi e chiedi e qualche volta trovi un piccolo spiraglio, un appiglio e sei contento. Sabato mi sono portata a casa la delusione di H. quando ho detto che non avevamo il latte e che non sappiamo quando e se ne potremo ancora avere. Si è fatto un bel po' di strada in bici solo per il latte, non mi può bastare stare qui e non fare niente. Abbiamo bisogno di latte, latte, latte. Anche altro manca ma stare senza latte è impossibile. Dirlo qui forse potrà aiutarci? Non so, io lo dico, la Provvidenza viaggia su strade non mappate da Google, chissà. 
Gruppo CARITAS BALBIANO, via Roma, 21 (ingresso casa della Divina Provvidenza)- tutti i sabati dalle 15.30 alle 16.30
Gruppo CARITAS COLTURANO, vicolo Mons. Rossi (ingresso Oratorio)- tutti i sabati dalle 15.30 alle 17.30
In fondo alle chiese parrocchiali ci sono due cesti per chi volesse portare lì. per altre modalità sapete dove o come contattarmi.
Per quanto può valere una parola: grazie, a nome di tutti.

Nessun commento:

Posta un commento