mercoledì 9 marzo 2011

Colturano - ancora sui furti

Da "Il Cittadino" di oggi:
«A Balbiano e Colturano siamo arrivati alla media statistica di un furto in villa o di un atto di vandalismo e microcriminalità ogni due o tre giorni. Ci sono residenti derubati cinque volte nell’ultimo anno, mamme con bambini piccoli che si sono trovate i ladri in casa alle cinque del pomeriggio. E le videocamere promesse da un anno sono al palo: all’ingresso dei due centri non si vede assolutamente nulla». I recenti raid, con macchine e case svaligiate da una banda che pare si aggiri in furgone a volto scoperto, portano alle stelle il botta e risposta sulla sicurezza. Da un lato Massimiliano Vallefuoco, consigliere indipendente e curatore del sito www.colturano.net, accusa direttamente il sindaco Giovanni Cariello (anche titolare delle deleghe di sicurezza e prevenzione) di ampia sottovalutazione: «Non so come fa ad affermare che qui siamo in un paese “tutto sommato tranquillo” rispetto ai confinanti - si stupisce Vallefuoco - quando abbiamo episodi da record come le cinque denunce da parte della stessa persona». Dall’altro il primo cittadino di tutto vuol sentir parlare tranne che di “assenza”. Vallefuoco vede i mesi scivolare via nella completa inerzia amministrativa a fronteggiare le razzìe. «Il 25 novembre, parliamo quindi di tre mesi fa, ho fatto una prima mossa - riassume l’ex esponente di “Insieme per il Futuro” poi artefice del gruppo misto - una mozione consiliare nella quale già rilevavo che la stagione autunnale, con due furti in soli tre giorni, prometteva male. La mozione chiedeva urgentemente di proporre qualcosa di nuovo e più efficace nella pressante questione sicurezza, iniziando dalle videocamere. Alla mozione ha fatto seguito un’interrogazione simile. Nel frattempo è accaduto quanto si temeva, leggere le cronache dei giornali. La domanda mia e dei miei concittadini è: possibile che Colturano non abbia diecimila euro, anche su un capitolo “fossile” di bilancio, per cominciare da videocamere e sorveglianza privata ? ». Parola dunque al sindaco: «Alcune mie dichiarazioni recenti sono state in parte fraintese. Io ho affermato che Colturano ha “avuto” un periodo di relativa tranquillità nel 2010, ma dall’autunno in poi siamo entrati di nuovo in una di quelle ondate periodiche di recrudescenza criminale. Però siamo coinvolti esattamente come Dresano, Vizzolo, Mediglia, Melegnano: non siamo né felici né bersagliati, siamo normali. E io faccio “normalmente” un briefing a settimana con i carabinieri di Melegnano e il Consorzio di vigilanza Nord Lodigiano. Un crimine o vandalismo ogni due giorni? Se Vallefuoco ha dati simili porti la prova provata, altrimenti sono illazioni. Le videocamere? Arriveranno a breve, e arriverà anche la convenzione con l’Ivri». Emanuele  Dolcini

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. E in un mese siamo a due visite ... tranquilla Colturano?

    RispondiElimina
  3. Non so, non sto uscendo molto e quindi non ho occasione di parlare con la gente e quindi non ho notizie e quindi, come recita il proverbio: nessuna nuova, buona nuova. Basta crederci.

    :-) Mi ricordo il post che hai cancellato, diceva: e quindi?
    E quindi per la seconda volta sei passata di qui ed hai commentato lo stesso post. (Non scritto da me, aiaiaiaiai. Sei una fan di Dolcini?.

    RispondiElimina