giovedì 23 settembre 2010

Consiglio Comunale del 21 settembre 2010

Consiglio lampo martedi sera, alle 11 e un quarto ero già a casa  (c'è stato tempo anche per ciciarà del più e del meno). Come sempre, da buona brontolona, ho qualcosa da ridire:
a) in Balbiano ho trovato affisso solo 1 manifesto sulla bacheca prima del ponte in piazza, in un punto di divieto di transito in uscita e quindi difficilmente visibile. Visto che tutti, al di qua del ponte, la mattina per uscire dal paese passiamo da via Melegnano, sarebbe magari utile non dimenticarsi di questa bacheca.
b) non viene mai segnalato che nel dato consiglio vengono assegnate le borse di studio ai laureati; mi sembra una bella cosa, da partecipare a tutti, no?
La novità più eclatante è che Vallefuoco si è staccato dal gruppo di Insieme per il futuro di Colturano e, come prevede la legge, ha dovuto collocarsi genericamente in quello che si chiama Gruppo misto, senza indicazioni di appartenenza politica di nessun genere, formato solo dalla sua persona. Non sono stati comunicati i motivi di questo distacco e possiamo solo fare delle ipotesi, che qui non dirò, ovviamente (o non ovviamente. Sarebbe comunque interessante conoscerle. Se fossi un suo elettore mi piacerebbe sapere perchè ora si dissocia dal gruppo).
Brava Alice Porta che ha ricevuto la borsa di studio Paolo Econdi; laurea in Biologia (con 110 sono sicura non ho capito se anche con lode).
Il resto niente di significativo da segnalare: qualche aggiustamento di bilancio, l'annuncio della novità del giornalino l'Olmo che passa a nuovo editore a costo zero (rientro con la pubblicità che la società metterà sul giornalino, idem per il sito, costo zero ecc. Anzi sulla delibera di giunta leggo che ci dovrebbe essere un contributo da parte delle Grafiche Pulsar di 840.00 euro sotto forma di sponsorizzazione di qualche attività). Visto che il contratto dura due anni ed è partito a maggio, e visto che il sito è ancora tale e quale a prima, speriamo presto in un cambiamneto. Per il giornalino ho già fatto presente che bisognerebbe rivedere i testi che, nella forma, sono proprio brutti ma, come dichiarato in apertura del post, so di essere una rompi(bip)alle, e magari  questo modo di scrivere urtica solo me, pazienza, ce lo terremo così. Ci andava bene prima che ci costava 8.000 euro, figurarsi adesso che è a gratis (si lo so si scrive senza la a).
Il Sindaco ha annunciato che tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre dobrebbe esserci un' assemblea con tecnici esterni per illustrare il futuro assetto del territorio al passaggio della TEE. Anche su Balbiano sono previste opere già messe in progetto. Su Colturano è ancora tutto in fase di studio.
Il sindaco ha poi risposto all'interpellanza del gruppo di minorenza che a giugno aveva chiesto di risistemare i giochi rotti del parchetto di via Melegnano. E' stato tutto sistemato ma è ansche stato detto e tutti lo abbiamo visto che i soliti ignoti hanno anche demolito il gazebo e parte del muretto di accesso al parchetto. Questo è un punto caldo del paese dove si ritrovano i ragazzi più grandi il pomeriggio e la sera. Non è proprio un posto tanto isolato eppure la fanno sempre franca.

Visto che siamo in tema amministrazioni comunali, lancio un piccolo appello al comune di Dresano: per usare la pista cicliabile ci vuole il macete. Avete provato a farla con un bambino sul seggiolino cercando di evitare che l'erba alta colpisca il viso? Oggi ho visto che è stato sfalciato solo il tratto che arriva al cartello di Colturano, manca il tratto più lungo, quello appunto che è di competenza di Dresano. Mi sembra di ricordare che il nostro Comune abbia compartecipato alla spesa di costruzione con una bella fettina in più di quello che gli sarebbe toccato, ci sembrerebbe bello avere anche maggiore manutenzione. Ma la colpa è sempre del tempo (piove e l'erba cresce) e del governo che non manda soldi.
Aggiornamento del 30 settembre:
La zona del parchetto è, da qualche giorno, videosorvegliata.
Qui il sito web del Gruppo Consiliare Misto.

3 commenti:

  1. Cara Stria,
    rispondo al tuo appello ed alla curiosità degli elettori sul perche' abbia lasciato il Gruppo Insieme per il Futuro. Ho ritenuto opportuno non indicare motivazioni nella mia richiesta in consiglio comunale per evitare che le stesse venissero strumentalizzate.

    La mia divisione, sembrerà anomalo, ma nasce in totale accordo con il mio ex gruppo.

    Ho maturato questa decisione negli ultimi mesi, quando per ragioni personali, i tempi ed i modi di intendere il nostro ruolo pubblico, nel mio gruppo, avevano differenti vedute e sopratutto differenti tempi di reazione.

    Questo va a discapito del rapporto con gli elettori che negli ultimi mesi hanno piu’ volte lamentato la nostra poca presenza sul territorio.

    Colturano e’ un piccolo Comune che non puo’ attendere i tempi politici per risolvere, ad esempio, il problema della sicurezza dei parchi, dei bambini alle fermate dello scuola bus, delle strade con buche.

    I nostri cittadini vogliono i propri rappresentanti locali presenti, che vivano il territorio e che siano facilmente contattabili, per poter esprimere problemi.

    Per potermi dedicare meglio al ruolo di consigliere comunale, di componente delle commissioni di cui faccio parte, per aiutare la Pro Loco nella gestione delle manifestazioni fino ad arrivare alla semplice richiesta del singolo cittadino, ho bisogno di quell’ autonomia che nel gruppo Insieme per il futuro non avevo.

    Ora potrò agire con maggiore velocità ed in autonomia nell’ affrontare i problemi del territorio che mi saranno proposti.

    Credo quindi che sia stata una scelta coerente e coscienziosa fatta proprio per tutelare gli interessi dei cittadini di Colturano

    ti auguro una buona serata

    Massimiliano Vallefuoco

    RispondiElimina
  2. Grazie Massimiliano per la precisazione.

    RispondiElimina
  3. stria, brava un abbraccio continua cosi

    RispondiElimina