venerdì 2 luglio 2010

Gravissima situazione per gli invalidi civili

02/07/2010


Decreto legge 78/2010
Tagli alle indennità : LEDHA scrive a deputati e senatori.

LEDHA nella giornata del 2 luglio 2010 ha scritto una lettera aperta a deputati e senatori della regione Lombardia, per chiedere loro di prendere posizione rispetto alla manovra del Governo.
(...)L'emendamento del Governo, ancora sottovalutato da moltissimi analisti, crea una disparità, di dubbia costituzionalità e di incerto buonsenso, fra gli invalidi civili parziali: chi ha la "fortuna" di essere affetto da una patologia singola per la quale è prevista una invalidità del 75%, avrà l'assegno anche se non raggiunge l'85% di invalidità. Chi è colpito, invece, da due patologie o menomazioni, la cui somma dà l'80%, non ha diritto a nulla.
Ma ancora più grave è la modificazione dei criteri per l'indennità di accompagnamento. La nuova definizione medico-legale, particolarmente restrittiva, consentirà l'accesso a quella provvidenza praticamente solo alle persone in stato vegetativo, o poco più.
L'indennità sarà concessa solo a chi non è in grado di svolgere "il complesso degli atti elementari" della quotidianità: mangiare, bere, vestirsi, andare al bagno. Oppure a chi è immobilizzato.
Questo criterio crea una disperata schiera di nuovi esclusi: persone con sindrome di Down, persone che deambulano a fatica e tra mille difficoltà (amputati, poliomielitici), persone che riescono a guidare con adattamenti, probabilmente persone che lavorano, persone che riescono a vestirsi o a mangiare, ma che magari non sanno dove sono, chi sono, dove vanno. A compensare queste "accettabili autonomie", dice la relazione all'emendamento, ci sono gli ausili e gli interventi dei "servizi integrati, previsti pressoché ovunque da norme attuative specifiche". (...)

Nessun commento:

Posta un commento