lunedì 22 marzo 2010

Milano, oggi pomeriggio

Pomeriggio trascorso a Milano per un tuffo tra le opere d'arte della Pinacoteca Ambrosiana. Rino, che non si ricorda niente di quello che vede, quando siamo entrati nella sala con il cartone preparatorio della Scuola di Atene di Raffaello ha detto " Mi ricordo,... qui mi sono addormentato". Vero, anni fa mentre la guida spiegava di Platone, Aristotele, dell'unica donna raffigurata, Ipazia, lui si era addormentato sulla poltrona, con la testa che ciondolava...poff, poff...Oggi no, è stato sveglio!   Egidio si è trovato faccia a faccia letteralmente con Franchino Gaffurio. Anni fa aveva una collocazione più anonima, adesso è in una teca e in grande rilevanza. Io sarei stata ancora un po' nella sala 7 tra i quadri di Brueghel, o davanti alla Maddalena di Guido Reni, o nella sala 19 dove , tra i ritratti di Hayez ai componenti della famiglia Morosini, c'è anche un suo studio per la Maddalena penitente che è esposta al Museo Diocesano e che mi piace tantissimo.Che bella la Sala Federiciana con tutti quei volumi preziosi, e il canto gregoriano di sottofondo, e i fogli del Codice Atlantico di Leonardo esposti a cornice tutti intorno alla sala. Fino al 2015, a turno, verrano esposti tutti i fogli originali. Fino a giugno rimarranno questi che abbiamo visto anche noi e che hanno come sottotitolo "L'architettura, le feste e gli apparati".  Mi devo fermare qui, è mezzanotte passata, sono stanca e visto che cominciano a dirmi che sono vecchia...a quest'ora dovrei, quindi, ritirarmi nelle mie stanze.

Nessun commento:

Posta un commento