giovedì 25 giugno 2009

Ma non abbiamo già votato?

Cara Blogger,
stamane ho trovato nella cassetta della posta una “Lettera aperta ai cittadini di Colturano” scritta da alcuni sostenitori della lista Cariello.
Leggerla e andare in confusione, è stato un tutt’uno.
”Ma siamo ancora in campagna elettorale? mi sono chiesto. Io credevo che avessimo già votato.” Ma l’insediamento del sindaco, il suo giuramento e tutto il resto di martedì scorso è stata una burla?”
Tu che sei molto attenta alle dinamiche politiche e alle vicende locali , puoi per favore aiutarmi a capire?
Non credi che ci sia un po’ di intolleranza in questa lettera?
Ma cosa è questo evocare teoremi e scenari apocalittici prefigurando un massacro del territorio e delle sue bellezze naturali e culturali se…..
E questa “chiamata alle armi”? (….sono i cittadini che devono opporsi…). Opporsi a chi, a cosa se “il potere legislativo ed esecutivo” è in mano ai propri rappresentanti?
Suvvia, un po’ di equilibrio! Ma non ti sembrerebbe più logico che i cittadini vigilassero sul comportamento e operato dei propri rappresentanti eletti per verificarne la coerenza rispetto agli impegni? Altrimenti a cosa servono?
E poi, cosa è questo “processare le intenzioni” sulla base di “rumors” e/o su un presunto o vero “accreditamento”(forse volevano dire collusione?) di un fantomatico imprenditore locale con il Sig.Barbato.
Mah, io non ci capisco più niente; e tu?
Quanto poi ai “cavilli regolamentari” citati nella lettera, e se riferiti alla eccezione sollevata dal Sig.Barbato per altro ben argomentata e garbata, io trovo che sia stata nel suo insieme corretta tanto che, lo stesso Cariello, con stile, ha dovuto convenirne.
Non credi che i trasporti e la viabilità meritino una attenzione costante e non provvisoria se è vero (non so) che ci sono progetti di “snaturamento” del territorio che verosimilmente si svilupperanno nel tempo. Non ti sembra che ipotizzare una modifica del regolamento per superare l’eccezione non sia stata una idea brillantissima?
Mi aiuti a capire cara blogger?
Se continua così, la mia decisione di non impegnare le mie residue risorse intellettuali in politica, sarà presto definitiva.
Alla prossima?
Forse!
Ciao Blogger
Guerriero

Purtroppo invecchio anch'io e le dinamiche politiche fatico ormai a capirle e a seguirle. La lettera aperta non mi meraviglia più di tanto. Nella tornata elettorale del 2004 si sono sparate certe "supposizioni elettorali" su un candidato sindaco che facevano paura ma....il tempo mitiga tutto e si elabora, si riflette, si perdona, si diventa buoni.... Barbato "rompe" un po troppo e la lettera lo dice molto chiaramente (scusa il linguaggio ma rende bene l'idea). Alcune preoccupazioni dei miei concittadini sono pienamente condivisibili, non altrettanto il modo di proporle o almeno, ri-proporle alla nostra attenzione. Duecento voti di distacco sono molti e sono pochi, bisogna mantenere e coltivare questo divario e si comincia presto a "lavorare ai fianchi". Non me ne vogliano i firmatari della lettera ma ripeto, pur condividendo alcuni timori, non mi sembrava il caso di continuare a battere questo chiodo e non sicuramente in questo modo e con questa tempistica. E' con i propri meriti che ci si guadagna la vittoria sul campo, non sbandierando i demeriti, o supposti tali, degli avversari, non brandendo l'arma del "al lupo, al lupo". Come dice Guerriero, siete voi al comando del vascello, voi al timone, voi scandite l'issare o l'ammainare delle vele. Per cinque anni non potete temere ammutinamenti, dovete solo condurre la nave in porto. Cazzate la randa... Ai cittadini il compito di seguire, vigilare, controllare, sollecitare, criticare anche, perchè no? La minoranza deve fare "opposizione", magari anche con i cavilli, quello è il suo compito, o volete solo vedere quattro mani che si alzano e si abbassano? Per noi due o tre che assistiamo ai consigli comunali potrebbe essere una "botta di vita" mica da ridere qualche contraddittorio tra le parti!
PS: sulla questione "cavilli regolamentari" dell'altra sera è stato interessante navigare tra gli statuti ed i regolamenti dei Consigli comunali d'Italia. Molto interessante. Mi dispiace che alcuni firmatari della lettera non erano presenti in Consiglio e non hanno potuto seguire la vicenda dal vivo.
PSS: ti rammento che non ho votato per Barbato. Barbato scusa se continuo a ribadire questa cosa ma è per controbilanciare il peso del post che ogni tanto mi sembra penzoli più da una parte che dall'altra :-) e mi meraviglio io stessa di come, in me, stiano prendendosi a cazzotti due posizioni contrapposte. Sposerei l'idea politica di Cariello con il modo di agire di Barbato. Roba da spicanalista!! Speriamo non sia contagiosa.

1 commento:

  1. ciau ^___^
    grazie per i tuoi passaggi da me! hai visto, pure i vestiti faccio, e il sant'uomo deve subire l'obbligo di prender le misure per le cerniere e gli orli eheh.
    Saper fare non mi manca... mi manca il gene imprenditore! :p

    bacione!

    RispondiElimina