domenica 31 maggio 2009

La nostra civetta è in ospedale




Pensavamo fosse un cucciolo di civetta ma dalle foto inviate per mail al centro LIPU ci hanno risposto che è un adulto e che, se si è lasciato prendere, è chiaramente in difficoltà e che dovevamo al più presto trasferirla in un centro di recupero. Per un giorno mia sorella e i suoi nipoti l'hanno alimentata con carne cruda e quanche siringa di acqua e zucchero. Sempre dal sito della LIPU abbiamo contattato il centro di recupero più vicino a noi (Pontevecchia di Magenta) e visto che proprio non potevamo andarci noi abbiamo chiamato le Guardie Forestali Provinciali che, puntuali alle 13.30 di oggi sono venuti a prendere l'ammalata. Speriamo ci facciano sapere qualcosa e, caso mai si riprendesse, vorremmo che tornasse a volare da noi. Il suo verso ci annuncia l'arrivo della primavera, quando arriva ad occupare il suo nido su uno dei pochi alberi rimasti sulla strada sterrata di campagna che da Balbiano arriva a Dresano.
Aggiornamento dell'8 giugno:
Il quotidiano "Il Cittadino" ci ha dedicato ben due pagine:
qui la prima (edizione del 5/6/09)
e qui la seconda, sull'edizione di oggi 8 giugno 09

1 commento: