mercoledì 6 agosto 2008

Letture estive

Mamma che sofferenza, quest'anno come non mai. Ho provato con Niffoi (Ritorno a Baraule . Niffoi sa di essere bravo ma, santo cielo, devo divertirmi, appassionarmi e non annoiarmi) ho proseguito con Giménez-Bartlett (Nido vuoto - meglio la Giménez prima maniera, adesso si perde in mille rivoli inutili), ho provato anche con L'eleganza del riccio che è ancora tra i primi libri in classifica vendite (l'ho finito per puntiglio perchè non volevo credere fosse proprio così...brutto fino alla fine. Fino alla fine, inesorabilmente. Tra un po' spero sparisca dalla classifica) e forse oggi con Carlos Ruiz Zafon ho trovato un pò di pace. (L'ombra del vento - fuilleton da estate, perfetto per questi pomeriggi caldi, da godersi spaparanzate sul lettone.). Non sarà un capolavoro ma per distrarsi va benissimo.
Sto cercando da due giorni l'unico libro di Terzani che ho, La porta proibita, e non lo trovo. Devo ricordarmi a chi l'ho prestato, mi dispiacerebbe averlo perso.
Domani, forse, tempo permettendo, vorremmo andare a Lodi in bici. Per la verità mi sembrano tanti 20 km, poi bisogna tornare ..e fanno 40, e poi sono previsti temporali, e poi fa caldo. Insomma, non sono convinta.

Nessun commento:

Posta un commento